10 maggio 2015

Recensione a “Ricordati di sognare” di Rachel Van Dyken

i like it sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anteprime
Cari cucchiaini,
eccomi qui a parlarvi di “Ricordati di sognare” di Rachel Van Dyken, primo volume della serie new adult Ruin. Libro su cui ho riflettuto molto prima di fare una recensione, lettura che mi ha colpito per alcuni versi ma non proprio convinta per altri.
ricordati di sognare - le tazzine di yoko
E’ uno di quei romanzi che potrebbero apprezzare più di me gli amanti delle letture tragiche e vissute con il fazzolettino in mano, ma che fortunatamente sono coronate dal lieto fine;)

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / new adult 01 - compulsivamente lettrice - 10 biscotto new adult sul blog letterario de le tazzine di yoko

Ricordati di sognare

(Ruin)
Rachel Van Dyken
Edito da Nord (22 gennaio 2015)
Pagine 334
€ 4,99 ebook – €16,40 cartaceo
amzn-amazon-stock-logolink all’acquisto dell’ebook
link all’acquisto del cartaceo

TRAMA DELL’EDITORE
Per due anni, è come se non avessi vissuto; ero persa in un baratro di dolore, da cui credevo non sarei più riemersa. Poi ho incontrato Wes Michels. Lui è il raggio di sole che ha squarciato le tenebre della mia esistenza, la luce che mi ha ridato la speranza e la forza di ricominciare. Mi sono affidata ciecamente a lui, anche quando tutti mi dicevano di non farlo: Wes è troppo ricco, troppo impegnato a diventare la nuova stella del football e, soprattutto, troppo corteggiato per rimanere fedele a una ragazza come me.
ruin - le tazzine di yokoNon sanno quanto si sbagliano. Non conoscono il suo cuore e sono all’oscuro del suo segreto. Su una cosa però avevano ragione: non avrei dovuto innamorarmi di lui. Ho paura che, se resterò ancora una volta sola, sprofonderò di nuovo nel baratro. Perché adesso so che ogni giorno passato con Wes potrebbe essere l’ultimo…

RECENSIONE DI YOKO:
La classica lettura che si definisce “carina”… tre tazzine e mezzo.
tazzinaUPtazzinaUPtazzinaUPtazzinaMEZZAtazzinaDOWN

Ricordati di sognare ha il pregio di essere una lettura che si legge in un soffio, è estremamente scorrevole nonostante la tematica trattata implichi un certo spessore della storia.
Rachel Van Dyken parla di malattia, sentimenti unici che legano e ti danno la forza di lottare, del potere di sapere sognare… e che i miracoli a volte – forse – esistono. Cerca di raccontare tutto questo con leggerezza e una vena romantica, a tratti spiritosa.

we kiersten ruin - le tazzine di yokoIl libro si apre praticamente con l’incontro/scontro dei due protagonisti. Kiersten Rowe ha da poco iniziato il suo anno accademico e ancora fatica ad ambientarsi, in uno dei suoi momenti di spaesamento va a sbattere contro quello che sembra essere un tronco …all’interno dell’università di Washinghton? Il “tronco” in questione (da me rinominato per l’occasione “tronco di gnocco”) si rivela essere l’atletico e dannatamente bello Weston Michaels, quarterbec della squadra di football.

Wes è famoso, oltre per il suo bellissimo aspetto, per essere il figlio di uno degli uomini più ricchi e influenti in circolazione. Non ha la fama da bravo ragazzo, ma tutte queste cose Kiersten non le sa e l’unica cosa che pensa è quanto lui la metta in soggezione solo con la sua presenza. L’attrazione tra i due scatta come una palla da bowling lanciata a gran velocità, pronta a fare strike senza guardare nessuno. Quest’incontro all’apparenza normalissimo, prende via via i connotati di un’occasione lanciata ai due dall’alto, un’occasione per ricominciare a credere, a sognare.
Share:

2 commenti

  1. Carino, ma mi sono un pò "annoiata" a leggere sempre le stesse cose.. Due ragazzi che si amano e blablabla xD Vorrei qualcosa di più "forte"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più in stile "Colpa delle stelle"? ;) _yoko

      Elimina

© Le tazzine di Yoko | All rights reserved.
BOOKS AND A CUP OF TEA ...WHAT ELSE?